10 Gennaio 2018
10 Gennaio 2018,
 1
Share

Quali rischi può nascondere il lavoro agile? Quali sono le opportunità? Come gestirlo al meglio? Ecco come le ricerche psicosociali possono fornirci le istruzioni per un uso sano e efficace del lavoro agile.

Si lavora sempre più agilmente e il lavoro agile è diventato una realtà sempre più diffusa. Ma come impostare il lavoro agile? Vi presento un mio articolo nel quale ho effettuato una revisione della letteratura scientifica che ci permette di fare delle valutazioni e gestirlo al meglio, sia come funzione HR (o HC) sia dal punto di vista del singolo lavoratore che utilizza questa modalità di lavoro e deve accordarsi con l’azienda.

Al link sottostante scoprirete cosa caratterizza il “nuovo mondo lavorativo”, cosa si intende per “flessibilità” e come il lavoro agile cambia il modo di lavorare.

In particolare, sono valutati dal punto di vista psicosociale gli effetti del lavoro agile su:

  • Conflitto lavoro-famiglia
  • Soddisfazione lavorativa
  • Commitment
  • Performance
  • Carriera
  • Innovazione
  • Turnover e assenteismo
  • Relazioni interpersonali
  • Stress lavoro-correlato

Si conclude con alcuni consigli per trarre i massimi benefici dal lavoro agile.

Vedi l’articolo sul lavoro agile

Per gentile concessione di ISPER edizioni

 

 

One response on “Lavoro agile: istruzioni per l’uso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.