7 Aprile 2015
7 Aprile 2015,
 2
Share

Uno studio recente ha valutato se l’introduzione del pedometro sul luogo di lavoro sia effettivamente utile ad aumentare l’attività fisica dei lavoratori e, quindi, a migliorare il loro stato di salute.

Sempre più spesso le aziende individuano varie e fantasiose soluzioni per incentivare i lavoratori a mettere in atto comportamenti utili a migliorare la propria salute fisica. Una delle ultime novità (a cui mi è capitato di assistere e che sembra andare di moda negli ultimi tempi) è quella di dotare tutti i lavoratori di un pedometro al fine di contare i passi giornalieri. L’idea sottostante è che contare i passi sia utile a incentivare i lavoratori a camminare di più, pridiligendo spostamenti a piedi anziché utilizzare mezzi di trasporto (come ad es. ascensori). In questo modo si aumenterebbe l’attività fisica giornaliera.

La necessità di una costante attività fisica è riconosciuta anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’OMS raccomanda di svolgere attività fisica a moderata intensità per almeno mezz’ora al giorno. Questa quantità di attività fisica è utile a ridurre i rischi di disturbi cardiovascolari, diabete e cancro; in pratica è la quantità minima per migliorare lo stato di salute.

Nonostante queste raccomandazioni, solo meno del 40% della popolazione mondiale svolge una corretta quantità di attività fisica e questa percentuale sta rapidamente diminuendo.

Notata la diffusione dell’uso del pedometro, mi sono chiesto se questa soluzione sia realmente efficace a migliorare la salute dei lavoratori e se effettivamente si ottenga un aumento degli spostamenti a piedi.

La risposta è contenuta in una precisa revisione della letteratura scientifica*. In tutto sono stati individuati solo 4 studi validi a cui fare riferimento, cioè studi che confrontavano gruppi di lavoratori con pedometro con gruppi che non lo utilizzavano. Purtroppo questi studi hanno dato risultati differenti. Se da una parte solo uno studio ha indicato un’efficacia del pedometro nell’aumentare l’attività fisica dei lavoratori, gli altri non hanno dato i risultati sperati, cioè non hanno rilevato differenze tra chi usava il pedometro e chi non lo utilizzava.

In pratica, non vi sono evidenze dell’efficacia dell’utilizzo del pedometro; introdurre il pedometro non sembra porti benefici alla pressione sanguigna, alla salute o alla qualità della vita.

Però gli studi non dicono tutto, rimango convinto che, seppur non ci siano effetti considerevoli, il solo porre attenzione alla salute fisica dei lavoratori da parte di un’azienda sia comunque un buon proposito che dimostra una politica organizzativa al “passo” con la modernità. Concedetemi il gioco di parole 🙂

*Freak-Poli RLA, Cumpston M, Peeters A, Clemes SA. Workplace pedometer interventions for increasing physical activity. Cochrane Database of Systematic Reviews 2014, Issue 1. Art. No.: CD009209. DOI: 10.1002/14651858.CD009209.pub2

2 responses on “Il pedometro in azienda per migliorare la salute

  1. Marco Cigolotti ha detto:

    Come spesso accade, le questioni vengono semplificate: si individua uno strumento o una soluzione e si pensa sia la panacea per ogni male… Fatti salvi i buoni propositi, certamente il solo pedometro può forse, in un primo momento, favorire azioni virtuose ma non “strutturali” e pertanto credo l’effetto vada poi a perdersi nel tempo.
    Segnalo invece un “filone” interessante, che sto cercando di approfondire, che è legato alla filosofia del “Lean management”, rimandando a wikipedia e a testi autorevoli che illustrano i concetti e i principi: in questo caso in un’azienda viene proprio riorganizzato il lavoro. A mio avviso non è stato però mai sufficientemente indagato il beneficio sugli aspetti di salute e sicurezza che questa filosofia produce, anche in questo caso spesso come effetti collaterali, ma trattandosi di modifiche “strutturali” mi aspetto i benefici siano più duraturi, anche ad esempio sugli aspetti legati allo stress lavoro correlato…
    Saluti
    Cigolotti

  2. barbara grassellini ha detto:

    Sono completamente d’acoordo con te!

Rispondi a Marco Cigolotti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.